27 maggio 2020

 In Uncategorized

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha incaricato il suo governo di mettere in atto la nuova legge che vieta l’uso nel paese di qualsiasi prodotto israeliano, compresi hardware o software. Lo ha riferito martedì l’agenzia di stampa Fars spiegando che la legge, approvata all’unanimità dai parlamentari iraniani la scorsa settimana, definisce qualsiasi collaborazione con Israele “equivalente a un atto di ostilità verso Dio e di corruzione sulla terra”. Come ha dettagliatamente spiegato David Horovitz su Times of Israel, una rigorosa applicazione di questa legge “farebbe arretrare l’Iran di 50 anni: niente computer, internet, telefoni cellulari, sanità devastata e nessuna più BMW”.

L’articolo 27 maggio 2020 proviene da Israele.net.

Leggi l’articolo originale

© 2020 Israele.net. Tutti i diritti riservati.

Fonte: Israele.net