22 febbraio 2019

 In Uncategorized

33 testimonianze firmate di soldati israeliani, raccolte per mesi da Avihai Shorshan dell’organizzazione My Truth, sono state inoltrate giovedì alla Corte Penale Internazionale dell’Aia come prova che i terroristi di Hamas a Gaza commettono crimini di guerra e usano i civili palestinesi come scudi umani. Le 70 pagine del documento coprono il periodo dal 2014, anno in cui l’Autorità Palestinese è diventata parte dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, fino alle violenze delle “marce del ritorno” organizzate da Hamas nel 2018 ai confini fra Gaza e Israele. Le testimonianze dei soldati parlano di bambini palestinesi usati come scudi umani, ambulanze utilizzate per trasportare armi e terroristi, razzi lanciati da asili, violazioni di cessate il fuoco umanitari e altri crimini di guerra. Un soldato, ad esempio, racconta di un terrorista che “lanciò una granata contro la nostra jeep e appena si rese conto di essere stato visto, afferrò un bambino e lo ha tenne stretto a sé, impedendoci di rispondere al fuoco”. “Il mondo deve capire – spiega Shorashan – che sono questi i criminali di guerra, e non i soldati israeliani che operano in base ai più rigorosi standard etici. Questa denuncia riguarda violazioni sistematiche dei diritti di civili innocenti, israeliani e palestinesi, che secondo cui ogni criterio legale costituiscono crimini di guerra e, in certi casi, crimini contro l’umanità. Le proteste lungo la barriera – continua Shorshan – non sono semplici manifestazioni civili: sono attacchi terroristici contro il nostro confine, e noi sappiamo esattamente cosa ha intenzione di fare Hamas quando riuscisse ad attraversarlo. Non esiste nessun altro paese occidentale che confina con un’organizzazione terroristica: noi ne abbiamo almeno quattro ai nostri confini. E alcune nostre comunità si trovano a poche centinaia di metri dalla barriera”.

Leggi l’articolo originale

© 2019 Israele.net. Tutti i diritti riservati.

L’articolo 22 febbraio 2019 proviene da Israele.net.

Fonte: Israele.net